Autostrada
Autostrada
TORNA ALL'ELENCO
Immagine copertina news

Truck and bus

16 / 02 / 2016 16-02




Percorrendo l'autostrada A4, nel tratto Venezia Trieste, la cosa che colpisce di più ? in qualunque giorno della settimana e a qualsiasi ora ? è la lunga colonna di mezzi pesanti che si snoda praticamente ininterrottamente lungo tutto il tratto. Camion, tir, bisarche, grandi furgoni, perennemente in viaggio con destinazione soprattutto il Centro ed Est Europa. Su questo asse autostradale, infatti, transita la maggior parte delle merci in uscita dall'Italia. Nel 2015 sulla rete gestita da Autovie sono passati 11 milioni 335 mila 193 mezzi pesanti ( + 3,81 rispetto al 2014), dati che la dicono lunga sulla consistenza del flusso, confermati, peraltro da quelli diffusi dall'Anas di recente: sul raccordo autostradale 13, il 27 gennaio, sono transitati 7 mila 440 mezzi, il numero più alto registrato sulle strade del Nord Italia! Un traffico che, se da un lato è indice di vivacità per l'economia, dall'altro risulta particolarmente impegnativo su più versanti: per l'usura del manto stradale e per la sicurezza della circolazione. Le maggiori criticità, in questo ambito, si registrano per quanto riguarda i vettori stranieri che, oltre a rispettare meno le norme e quindi a rappresentare un pericolo per chi viaggia, mettono in difficoltà gli operatori italiani che si trovano di fronte a una concorrenza sleale con cui non possono competere. Non è un caso, quindi, che la campagna di controlli varata dalla Polstrada questa settimana si chiami proprio "Truck and bus" un' operazione coordinata dal Network delle Polizie Stradali Europee "Tispol" che proseguirà fino a domenica 21 febbraio e interesserà congiuntamente tutto il territorio italiano e quello dell'Unione Europea. Scopo dell'iniziativa è un'intensificazione dei controlli sui mezzi pesanti adibiti al trasporto delle merci, comprese quelle pericolose, e sugli autobus, sia di immatricolazione italiana che straniera. L'attenzione sarà concentrata sulla verifica delle condizioni psicofisiche dei conducenti, sull'osservanza dei limiti di velocità, sul rispetto della normativa ADR in materia di trasporto delle merci pericolose e tutte le altre prescrizioni sull'autotrasporto previste dalla normativa nazionale e comunitaria, anche nell'ambito dei servizi periodici disposti con l'utilizzo dei Centri Mobili di Revisione messi a disposizione dalla Motorizzazione Civile.