Progetti
Progetti
TORNA ALL'ELENCO
Immagine copertina news

Il team di topografi: precisione tecnologica

29 / 04 / 2019 29-04


Sulla A4, nel tratto interessato dai lavori per la realizzazione della terza corsia, sono state completate le operazioni di picchettamento necessarie a delineare le superfici da espropriare, per quanto riguarda il primo stralcio (Alvisopoli - Portogruaro) del secondo lotto (San Donà di Piave - Alvisopoli). Il "picchettamento" consiste nel posizionamento nel terreno di paletti di ferro o in legno. Quando si effettua il calcolo delle superfici da espropriare, i tecnici tengono conto di più fattori: l'ingombro dei manufatti che verranno costruiti in primis, ma anche delle stradine temporanee a servizio del cantiere. Chi si occupa di questo tipo di attività? Il team dei topografi di Autovie Venete. Nella direzione tecnica di Autovie, i topografi rappresentano un'area trasversale, a supporto della progettazione, delle direzioni lavori, delle unità organizzative che si occupano della manutenzione e della gestione ambientale, nonché dell'unità espropri e patrimonio. Per queste attività, i topografi si avvalgono di strumentazioni di ultima generazione, altamente performanti, che lavorano in base al sistema di posizionamento satellitare GNSS (Global Navigation Satellite System), più conosciuto come GPS. Ciò permette in tempi brevi di rilevare altimetricamente e planimetricamente aree, volume e manufatti con elevata precisione. Per ottenere questi standard nel minor tempo possibile, il sistema GNSS deve essere integrato da una "rete geodetica" ovvero una maglia di punti a terra (capisaldi) lungo tutte le dorsali di competenza. Questo sistema di riferimento terrestre è formato da circa 240 punti (survey- points), calcolati con estrema accuratezza (190 ore di misurazione GNSS complessive). E' un lavoro ancora in itinere e attualmente mancano da completare l'A57, una parte dell'A28 e il tratto dell'A4 da San Donà di Piave Venezia).  Alla fine di questa attività Autovie Venete disporrà di una mappa precisa di punti che servirà da "inquadramento" per tutti i prossimi interventi. La rete aziendale è perfettamente conforme allo standard europeo (EUREF Permanent GNSS Network) in quanto è collegata e monitorata dalla rete di stazioni permanenti GNSS della FReDNet (Friuli Regional Deformation Network) dell'istituto nazionale di oceonografia e di geofisica sperimentale O.G.S (monitoraggio delle deformazioni crostali nel Friuli Venezia Giulia), dalla Rete "Marussi" della Regione Friuli V.G. e dalla Rete Dinamica Nazionale (Istituto Geografico Militare). Anche Autovie si avvale, di due "ricevitori satellitari GNSS" (Reference Station) rispettivamente presso il Centro Servizi di Palmanova e al P.M. di Cessalto. Le due antenne GNSS, in primo luogo, forniscono dati per migliorare la precisione dei ricevitori palmari GPS, utilizzati in azienda, per la cartografia ed il GIS, secondariamente ma non per questo meno importante, sono parte integrante della rete geodetica aziendale. Grazie a questa peculiarità i 240 capisaldi a terra potranno essere aggiornati costantemente, tenendo anche conto di eventuali movimenti delle placche tettoniche. Pur trattandosi di movimenti lievissimi, infatti, rivestono un ruolo di estrema importanza in ambito topografico.