Autostrada novembre 2018
Autostrada novembre 2018
TORNA ALL'ELENCO
Immagine copertina news

L’importanza della logistica

28 / 11 / 2018 28-11


L'idea che il magazzino sia un reparto statico da un lato è corretta: i prodotti arrivano e stazionano, in attesa di essere ritirati. Al contempo, però, si tratta di un luogo molto dinamico. Un andirivieni di persone e merci. Il corriere espresso - con cui la Concessionaria ha stipulato una convenzione - che parte o che arriva con le consegne, i dipendenti che vengono a ritirare questo o quel materiale, che firmano carte e fanno richieste. Qui si imballa la merce, si carica e si scarica utilizzando il muletto, si sistemano i prodotti sugli scaffali. In un reparto come il magazzino il lavoro non manca e di conseguenza c'è sempre un gran da fare.

L'attività

L'attività del magazzino si divide in due macro categorie: una è quella che prevede il carico e scarico dei materiali, l'handling (predisposizione della merce per spedirla), lo stoccaggio dei prodotti e la contabilità. L'altra è l'attività di negozio. Cosa si intende con "negozio"? Il magazzino gestisce l'acquisto di alcuni materiali di consumo per l'azienda. Si tratta di articoli generici, come ferramenta, autoricambi, componenti oleodinamici (raccordi, adattatori, sostituzione di tubi rovinati), materiali edili per il ripristino o la costruzione (cemento, vernici, schiuma poliuretanica e tasselli), articoli per i sistemi informativi, viti, utensili vari. Gli articoli più specifici, invece, vengono acquistati rispettivamente dai vari reparti della Concessionaria. Il magazzino gestisce inoltre i due appalti di abbigliamento professionale: quello per gli esattori e quello per gli operai (escluso il vestiario ad alta visibilità e DPI, il cui acquisto è in carico a un'altra unità di Autovie), l'appalto della cancelleria e, infine, quello delle matrici delle chiavi (che vengono duplicate in magazzino), lucchetti e affini.

Cosa contiene un magazzino di una concessionaria autostradale?

Di tutto e di più.
Dai ricambi per le auto aziendali e per alcuni dei mezzi (lame spazzaneve e spargisale) utilizzati durante la viabilità invernale, ai cavetti usb per i computer, dal toner per le stampanti ai bulloni per la carpenteria e ancora: i detergenti utilizzati dalle officine meccaniche. Qui si tengono anche componenti elettroniche e meccaniche di ricambio relative ai sistemi di esazione, come lettori tessere, lanterne semaforiche, sbarre, schede elettroniche. Non solo: biglietti, ricevute e cassette di legno per gli esattori.
Inoltre è proprio qui che è possibile reperire i DPI (dispositivi di protezione individuale). Il kit completo da indossare obbligatoriamente quando si va in cantiere per essere a norma di legge: scarpe antinfortunistiche, elmetti, gilet e giubbotti catarifrangenti. Non solo, anche mascherine anti polvere, guanti e tappi per le orecchie antirumore.
I beni vengono assegnati ai dipendenti, che firmano il documento di consegna (chiamato bolla di scarico): in questo modo è possibile contrastare eventuali "abusi", tenendo sotto controllo quali e quanti articoli vengono consegnati a ciascun dipendente e ogni quanto.
Tutti i materiali viaggiano assieme al DDT (documento di trasporto) che riporta le informazioni essenziali sul prodotto e relativa spedizione: descrizione (peso e aspetto), serial number, mittente e destinatario della merce.

I rischi

Muoversi all'interno di un magazzino non sembra, apparentemente, comportare gravi rischi. Tuttavia, il capitolo sicurezza non va sottovalutato. Per alcune operazioni, come ad esempio l'utilizzo del carrello elevatore, è necessario aver conseguito un patentino specifico, al quale seguiranno, periodicamente, dei corsi di aggiornamento. Il discorso sicurezza vale anche per il maneggio dei fitofarmaci (diserbanti) in confezioni superiori a un litro ad esempio. Un rischio connesso all'impiego del muletto è quello dell'investimento di persone nelle vicinanze. Per minimizzarlo, quando c'è movimentazione di merce per mezzo del carrello elevatore è opportuno vietare l'ingresso ai non addetti ai lavori. Infine, c'è il pericolo caduta merci, che viene mitigato disponendola correttamente.