Autostrada
Autostrada
TORNA ALL'ELENCO
Immagine copertina news

L’autostrada ricarica l’auto elettrica

13 / 07 / 2017 13-07

Ricaricare l'auto elettrica durante la marcia utilizzando l'autostrada. L'idea è del Politecnico di Torino che ha sviluppato un progetto - Charge While Driving - destinato a risolvere un problema, quello della ricarica e dell'autonomia di viaggio-che rappresenta uno dei maggiori freni alla diffusione di questo tipo di veicoli. Avere un'auto che necessita di una notte intera per fare un "pieno" di energia, che poi si traduce solo in meno di un paio di centinaia di chilometri di autonomia, risulta scomodo per la maggior parte degli utenti della strada. La possibilità di non avere più colonnine fisiche alle quali dover attaccare l'auto per riuscire a ricaricare le batterie permette non solo di evitare atti vandalici nei confronti delle installazioni, ma anche di creare una serie di infrastrutture che ricarichino l'auto durante la marcia. L'idea che sta alla base del progetto sviluppato dal Politecnico di Torino, prevede l'istallazione di una serie di bobine direttamente sotto il manto autostradale, così da ricaricare le auto durante la marcia e lasciare sufficiente carica per percorrere strade secondarie. Il funzionamento del sistema è relativamente semplice e si basa sull'Inductive Power Transfer, che vede bobine trasmittenti poste sotto il manto stradale che trasferiscono ricarica ad una bobina ricevente montata a bordo dell'auto, il tutto mentre quest'ultima circola liberamente. Ciò permette di evitare la stesura di una rete articolata di cavi sotto l'asfalto, riducendo così al minimo se non azzerando la necessità di manutenzione, ma soprattutto potrebbe invertire una tendenza ormai avviata: data la ricarica continua le batterie delle auto potrebbero diventare sempre più piccole, a patto che sia garantita la capillarità del sistema.